fbpx

Nonostante ci sia un numero sempre più elevato di persone che cerca nella figura dello psicologo un supporto ed un aiuto che non è possibile riscontrare altrove,  lo stigma della salute mentale è ancora ben ancorato nella testa di molte persone. 

Andare dallo psicoterapeuta aiuta a stare meglio, a comprendersi, e a riscoprire la bellezza di stare bene, da soli e con gli altri.

Ma quando si capisce che è il momento di chiedere aiuto?

Te lo spieghiamo in questo articolo.

 

Quando è il momento di rivolgersi ad uno psicologo?

Ci sono alcuni periodi della vita che possono essere particolarmente difficili da gestire. A volte anche eventi “comuni” possono creare conseguenze più o meno gravi, a seconda della persona, della situazione e dell’ambiente che la circonda. Stiamo parlando di problematiche che possono essere connesse alla famiglia, agli amici e al lavoro. 

Puoi avere bisogno di rivolgerti ad un professionista quando ti rendi conto di non farcela da solo, oppure quando ti accorgi che le cose che fai quotidianamente diventano più difficili, l’energia non ti basta e ti senti perennemente bloccato; perdi terreno con i tuoi figli, nella vita affettiva e lavorativa.

Per fornirti degli esempi, parliamo di quando ci si trova in situazioni di:

  • stress
  • blocco decisionale 
  • ansia
  • tristezza e malinconia 
  • disagio all’interno della quotidianità
  • sofferenza e disperazione
  • lutto 
  • depressione
  • euforia artificiale 
  • auto-svalutazione, mancanza di autostima 
  • incomprensione con il proprio partner o la propria famiglia 

In tutte queste situazioni, e in altre simili, ci si rende conto di come le soluzioni messe in atto da soli risultino poco adatte e soprattutto non ci aiutino a stare meglio. Anzi, a volte sembrano farci stare peggio. Si viene a creare così un malessere quotidiano, che influenza la vita di tutti i giorni.

In sostanza, il momento di chiedere aiuto psicologico è quando vi sono dei blocchi che impediscono di vivere serenamente e di avere il pieno controllo di sé stessi. In ogni caso, non è necessario essere afflitti da patologie gravi per contattare uno psicoterapeuta. Ad oggi, infatti, stanno aumentando i casi di utenti che decidono di andare in terapia per migliorarsi, conoscersi meglio e comprendere la propria natura.

Come ti aiuta lo psicologo 

Lo psicologo è un professionista che intraprende un percorso con e accanto al paziente. 

Comunemente, si tende a pensare che il terapeuta dia soluzioni immediate al problema, dica al paziente esattamente cosa fare, o ancora funga da migliore amico, dando conforto fisico.

In realtà, un terapeuta professionista accompagna il paziente‍ in un percorso ragionato, che tocca l’individuo nel profondo. Affrontare uno sfogo con un amico, per esempio, comporterebbe un coinvolgimento emotivo da parte di entrambi; lo psicologo, invece, guida l’individuo verso un lavoro sul proprio sé, mantenendo il corretto distacco, ma lavorando attraverso l’empatia.  

Lo scopo della terapia è costruire un’alleanza tra paziente e terapeuta, ma è il paziente che si prende cura di sé. Il terapeuta è la guida per conoscere i meccanismi della sua mente, analizzarli e correggerli. 

Come operano i professionisti del Centro Moses?

All’interno di un nostro tipico percorso terapeutico, i passaggi seguiti secondo la metodologia d’equipe sono i seguenti:

  • Una conoscenza iniziale 

La prima valutazione ha lo scopo di raccogliere tutte le informazioni e trovare il professionista più adatto alle necessità. Durante l’incontro conoscitivo, che si presenta come un colloquio con Sara si cerca, infatti, di inquadrare la persona ed il suo disagio. Eventualmente si procederà alla compilazione di questionari, una pratica normalissima all’interno della psicoterapia, al fine di costruire una mappa della persona. Questa mappa aiuta a far sì che il paziente impari poi a conoscersi passo dopo passo.

  • Il paziente è al centro, l’equipe intorno 

Successivamente, lo psicoterapeuta prepara un percorso per aiutare il paziente nel miglioramento del suo disagio e, nei casi più complessi, si confronta con altri membri dell’equipe per trovare una terapia psicologica migliore. Condivide in questo modo obiettivi da raggiungere, le tecniche che intende utilizzare e ascolta i suggerimenti degli altri, per un approccio più completo e personalizzato

Noi di CentroMoses crediamo nelle possibilità date dal lavoro di squadra, e per questo proponiamo un approccio alla terapia completamente diverso dagli altri. Non solo, ci avvaliamo delle nuove tecnologie e delle tecniche più avanzate, per garantire ai nostri pazienti i trattamenti migliori, personalizzati ed efficaci

Hai sempre mal di testa, un nodo alla gola che non ti lascia tregua, mal di pancia, malessere fisico, ma non soffri di patologie? Forse stai soffrendo e hai bisogno di parlare con qualcuno che ti possa dare una mano a capire come stare meglio.

Siamo qui per te!

Contattaci

Nome(Obbligatorio)

Psicologia e benessere: novità, eventi e curiosità