I libri possono cambiare le nostre vite e non solo… a livello fisico per esempio, i neuroscienziati hanno dimostrato che leggere romanzi può aumentare la connettività cerebrale, mentre sul piano emotivo, la lettura della narrativa ha dimostrato di aumentare la nostra “teoria della mente” ovvero la nostra capacità di identificarci nella mente degli altri ed entrare in empatia con loro (Kidd e Castano, 2013).

Il filosofo e scrittore Alain de Botton ha esplorato i quattro benefici psicologici della lettura:

1.     Ti fa risparmiare tempo

La letteratura è il più grande risparmio di tempo, perché ci dà accesso a una gamma di emozioni ed eventi che ci vorrebbero anni, decenni, millenni per provare a sperimentare direttamente.  La letteratura è il più grande “simulatore di realtà”, una macchina che ti mette a disposizione infinite più situazioni di quante tu possa mai testimoniare direttamente.

2.     Ti rende meno superficiale

La letteratura ci mostra come appaiono le cose dal punto di vista di qualcun altro.  Ci consente di considerare le conseguenze delle nostre azioni sugli altri in un modo che altrimenti non faremmo.  E ci mostra esempi di persone gentili, generose e solidali.  La letteratura di solito si oppone al sistema di valori dominante, quello che premia il denaro e il potere.  Gli scrittori sono dall’altra parte, ci rendono solidali con idee e sentimenti che sono di grande importanza.

3.     È una cura per la solitudine

Siamo più strani di quanto possiamo ammettere.  Spesso non possiamo dire cosa ci sia veramente nelle nostre menti. Ma nei libri troviamo descrizioni di chi siamo veramente e di cosa sono realmente gli eventi, descritti con un’onestà del tutto diversa da quella che la conversazione normale consente.  Nei migliori libri è come se lo scrittore ci conoscesse meglio di quanto noi stessi conosciamo.  Trovano le parole per descrivere le fragili, strane, speciali esperienze delle nostre vite interiori: la luce in una mattina d’estate, le sensazioni di un primo bacio, l’invidia quando un amico ci ha detto del suo nuovo affare, etc.  Gli scrittori aprono i nostri cuori e le nostre menti – e ci forniscono mappe per noi stessi per poter viaggiare nella vita in modo più sereno.

4.     Ti prepara ad affrontare il fallimento

Una delle nostre più grandi paure è quella di fallire. Ogni giorno, i media ci riportano storie di insuccessi.  È interessante notare che anche molta letteratura riguarda il fallimento.  In un modo o nell’altro, un gran numero di romanzi, opere teatrali e poesie parlano di persone che “si sono incasinate”: persone che hanno commesso errori, deluso il loro partner, o che sono morte dopo aver accumulato debiti per spese folli. Ma i grandi libri non giudicano tanto duramente quanto farebbero i media.  Evocano pietà e compassione per questi personaggi e ci aiutano a vivere e morire con un po’ più di saggezza, bontà e serenità.

Articolo tratto da https://www.spring.org.uk/2014/10/4-ways-great-literature-benefits-your-mind-video.php