Quando i genitori hanno le giuste aspettative verso il rendimento scolastico dei loro figli, i bambini tendono ad avere risultati scolastici migliori. Ma se tali aspettative sono esagerate e irrealistiche, i bambini peggiorano i loro risultati scolastici, secondo una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association.

La ricerca ha rivelato aspetti positivi e negativi dell’aspettativa dei genitori sulle prestazioni scolastiche dei loro figli, un’aspettativa eccessiva dei genitori può essere controproducente, secondo l’autore dello studio Kou Murayama dell’Università di Reading . Murayama e colleghi hanno analizzato i dati di uno studio longitudinale dal 2002 al 2007 di 3.530 studenti delle scuole secondarie e dei loro genitori in Baviera, in Germania. Lo studio ha valutato il rendimento in matematica degli studenti e l’aspirazione dei genitori (quanto vogliono che il loro bambino prenda un determinato voto) e le aspettative (quanto credono che il loro bambino possa raggiungere un certo voto) su base annuale.

Hanno scoperto che un’elevata aspettativa dei genitori portava a un aumento dei risultati scolastici, ma solo quando non superava eccessivamente le aspettative realistiche, cioè le possibilità concrete del figlio. Quando l’aspettativa ha superato la realtà, il rendimento dei bambini è diminuito proporzionalmente.

Gran parte della letteratura del passato trasmetteva un messaggio semplice ai genitori: “punta in alto per i tuoi figli e questi otterranno di più”. Questo studio suggerisce che l’obiettivo di tali programmi educativi non dovrebbe essere quello di aumentare ciecamente le aspettative dei genitori verso i voti.

E’ invece importante dare ai genitori le informazioni di cui hanno bisogno per sviluppare aspettative realistiche verso i loro figli, basate sulle reali capacità e possibilità del bambino. In modo da evitare continui confronti con gli altri e stimolare i figli in modo equilibrato. Il rischio altrimenti è quello di creare troppo stress e ansia, che influiscono negativamente sull’apprendimento dei bambini.

Infatti l’andamento scolastico e i risultati che si ottengono a scuola dipendono da molti fattori: le capacità di base del bambino, le sue attitudini, la bravura delle insegnanti nello spiegare e interessare gli studenti, la motivazione.

E’ importante considerare tutti questi fattori per non cadere nella trappola che vede nel voto finale l’unico elemento per capire se un bambino è “bravo” e se sta imparando oppure no.

Autore: Dr.ssa Nicole Anna Adami