Due persone su tre riferiscono di essere demotivate al lavoro: non odiano il loro lavoro abbastanza da lasciarlo, ma nemmeno si svegliano ogni mattina desiderosi di andarci. È come se si fosse avvolti da un velo di grigiore che li fa sentire svuotati, insoddisfatti ed esausti dal punto di vista psicofisico.

Nonostante molti dipendenti dichiarino che sarebbero più produttivi se si sentissero riconosciuti e apprezzati dai propri responsabili, è più semplice assumersi la responsabilità di ciò che si prova rispetto ai propri impegni di lavoro.

Ecco a tal proposito 5 strategie che possono aiutarti a ritrovare la motivazione sul posto di lavoro:

1. Trova il tuo scopo

Trova l’intersezione tra i tuoi talenti/passioni, i tuoi valori e le tue capacità e competenze in modo che ciò che fai ogni giorno sia significativo;

2. Crea la tua “grinta”

Rafforza la tua passione e la capacità di perseverare in un compito a lungo termine. È necessario unire la passione all’azione così da avere uno scopo. Questo stato d’animo favorirà la resilienza e ridurrà il rischio di burnout;

3. Introduci piccole abitudini per avere cambiamenti duraturi.

Puoi aiutarti a tal proposito con il seguente esercizio: “Dopo aver … (inserisci una routine già esistente), io … (inserisci una nuova routine)” e a completamento della sequenza rinforzati con una gratificazione, così da associare un’emozione positiva;

4. Delimita confini chiari.

Se vuoi rimanere produttivo e felice sul lavoro, mantieni dei confini chiari con il tuo capo e i tuoi colleghi. Chiediti quali potrebbero essere i confini da avere per garantirti la serenità sul posto di lavoro. Osserva per esempio le aree in cui ti sei sentito più frustrato, stressato o sopraffatto e sii onesto con te stesso.

5. Pratica l’auto-compassione.

Guarda ai tuoi errori e alle tue lacune con gentilezza e comprensione, non giudicarti con troppa severità, né tuttavia cerca di proteggere il tuo ego concentrandoti solo sulle tue qualità. Considera invece la possibilità che errare è davvero umano e cerca di acquisire un senso obiettivo e realistico delle tue capacità così da capire che cosa deve essere fatto in modo diverso la prossima volta.

Inizia a vedere i tuoi errori come un’opportunità di apprendimento e sganciati definitivamente dalla paura del fallimento!

 

Tratto da www.psychologytoday.com/