La Dipendenza da Sostanze

CHE COSA E'?

La Dipendenza da Sostanze stupefacenti è modalità patologica di abuso di sostanze: marijuana, cocaina, eroina, crack, anfetamine, ecstasy, ketamina, speed; che conduce a menomazione sociale e lavorativa e ha gravi ripercussioni sulla salute fisica e mentale del soggetto.

 

Come per la Dipendenza da Alcol o la Dipendenza da Internet, anche la Dipendenza da Sostanze segue tre fasi distinte:

  1. Tolleranza: ovvero il bisogno di dosi notevolmente più elevate della sostanza per raggiungere l’intossicazione o l’effetto desiderato, l’effetto è notevolmente diminuito con l’uso continuativo della stessa quantità della sostanza.
  2. Astinenza: la stessa sostanza (o una strettamente correlata) è assunta per attenuare o evitare i sintomi di astinenza che si presentano come tremori, nausea, ipersudorazione, agitazione psicomotoria, allucinazioni, iperattività del sistema nervoso autonomo, ansia. Vi è un desiderio persistente di usare la sostanza e tentativi inutili di ridurre o controllare l’uso della sostanza.
  3. Craving o uso compulsivo: una grande quantità di tempo viene spesa in attività necessarie a procurarsi la sostanza, ad assumerla o a riprendersi dai suoi effetti. In questa fase, avviene l’interruzione o la riduzione di importanti attività sociali, lavorative o ricreative a causa dell’abuso della sostanza.

 

Un volta innestato il meccanismo della dipendenza, la persona fa uso continuativo della sostanza nonostante la consapevolezza di avere un problema grave, di natura fisica o psicologica, causato o esacerbato dalla sostanza.

Vi sono inoltre tre aspetti strettamente psicologici collegati all’abuso di sostanze.

1) Ossessività: la persona è assorbita da pensieri e immagini continui riguardanti la dipendenza o le ideazioni relative alla dipendenza (per es. è assorbito nel rivivere esperienze di dipendenza passate o nel fantasticare o programmare le esperienze di dipendenza future). Questi pensieri e le immagini prodotte dalla mente sono intrusivi, provocano tensione ed eccitazione inappropriate e causano ansia o disagio marcati.

2) Impulsività: il soggetto prova irrequietezza, ansia, aggressività, irritabilità o agitazione quando non è possibile utilizzare la sostanza; ricorrente incapacità di resistere agli impulsi a mettere in atto il comportamento di dipendenza.

3) Compulsività: comportamenti di consumo ripetitivi che la persona si sente obbligata a mettere in atto, anche contro la sua stessa volontà, nonostante le possibili conseguenze negative. Questi comportamenti o le azioni di dipendenza coatti sono volti a evitare o prevenire stati di disagio o per alleviare un umore molto instabile (per es. sentimenti di impotenza, irritabilità, inadeguatezza).

I pensieri e i comportamenti di dipendenza ricorrenti e compulsivi impegnano il soggetto per la maggior parte del tempo, interferiscono significativamente con le sue normali abitudini, con il funzionamento lavorativo (o scolastico) e nelle relazioni sociali.

Dal punto di vista psico-fisico ogni singola sostanza produce differenti effetti sulla salute del consumatore.

Tutte le sostanze stupefacenti causano comunque gravi conseguenze sulla salute mentale: ansia, depressione, schizofrenia, apatia, paranoia, disturbi bipolari e della personalità.

Dal punto di vista fisico gli effetti delle droghe sono: danni al sistema nervoso centrale, convulsioni, danni irreversibili alla memoria, infertilità, impotenza, malattie cardiovascolari, insufficienza renale, lesioni polmonari, lacerazioni epiteliali e venose, infezioni come HIV, overdose e talvolta morte.

Il consumo e la Dipendenza da Sostanze Stupefacenti portano la persona a comportamenti criminali per poter procurarsi il denaro e la sostanza. Causano gravi conseguenze sulle relazioni familiari e intime, arrivando alla perdita del lavoro e a seri problemi economici.

Tra le sostanze stupefacenti è inclusa anche la Nicotina, che, se pur di uso abituale tra la popolazione, ha seri effetti collaterali sul sistema cardio-circolatorio e respiratorio della persona. La Nicotina crea dipendenza psicologica e, nel caso di sospensione del fumo abituale, può creare sintomi di astinenza.


COSA SI PUO' FARE?

Il trattamento per le Dipendenze da Sostanze prevede un approccio multiplo, articolato e lungo, essendo molteplici le cause della dipendenza ed elevati i rischi di ricaduta: supporto farmacologico, disintossicazione, terapia psicologica, gruppi di Mutuo Aiuto per rinforzare la volontà.

Un nuovo approccio, la Mindfulness, integrato alla psicoterapia cognitivo comportamentale, sta avendo successo nel trattamento della Dipendenza da Sostanze e in particolare nella prevenzione delle ricadute.

Richiedi informazioni  contattando la Segreteria del CENTROMOSES allo 0363.343286 (segreteria telefonica sempre attiva) o via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Cerca nel sito

PER SAPERNE DI PIU'

Vuoi saperne di più su...

Libri consigliati

Titolo: Dovunque tu vada ci sei già. Una guida alla meditazione
Autore:
Jon Kabat-Zinn.>> Leggi la scheda
-
+
1
CENTROMOSES Srl, via dei Mille 9 - Treviglio (BG) • segreteria aperta dalle 9 alle 13 • Tel.0363.343286 - segreteria@centromoses.it • P.Iva 03328390160
I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons